Mantenere il cuore aperto


 Ci sono situazioni in cui viene naturale tirarsi indietro e chiudersi, spesso sono determinate dalla difficoltà insita nella relazione, la quale, frequentemente, non riesce a garantire un adeguato riconoscimento, la possibilità di uno scambio dignitoso e rispettoso.

Non è in discussione il riconoscimento della propria egoità, quanto il realizzarsi delle condizioni minime per la relazione: ascolto, attenzione, interesse, disponibilità.

L'identità si erge e immagina, impronta una difesa: c'è una ferita, chiaramente, all'origine di questo movimento ma, per quanto giustificata dalle contingenze, non è da alimentare.

A essa segue sempre un ampliamento dello sguardo, l'affermarsi della compassione, di quella profonda pietà che ci fa inchinare di fronte al limite.

Mai dovremmo obbedire alla prima reazione, alla protesta: dovremmo darci tempo perché la benevolenza possa sorgere.

Commenti

  1. Se la relazione è momentanea, che non la si alimenti per impossibilità a comprendersi, è cosa anche giustificabile ma, quando dalla relazione non puoi sottratti, accettare il tuo limite e quello dell'altro è l'atteggiamento da tenere, finché non senti emergere compassione per l' altro e leggerezza per te.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La contemplazione di ogni fatto presente

Il procedere assieme è innanzitutto un procedere da soli

Non posso sentirmi sbagliata, dice l'identità